Questa guida offre una breve cronologia sul passato della città dai primi inizi fino a oggi. Poi si accorge al periodo del ruolo della forte famiglia dei conti Frangipani e da anche l'informazione sullo sviluppo del turismo che, durante gli ulitmi cento anni, ha diventato la risorsa economica più importante per la città.

26. PJANKA

360° pano

Una piccola piazza all'incrocio di due grandi strade della città: il decumano e la via Galija. In questa piazza, di dimensioni modeste, ci sono tre palazzi importanti: la casa della famiglia Frankopan a sud e le case dei nobili Cetinić a ovest. 

 

27. MAURA KAL

360° pano

Il nome di questa strada è derivato dalle parole del dialetto vegliese: grande strada, grande via. Il vegliese era un dialetto della lingua dalmata, che, a sua volta, era una lingua romanza estinta alla fine del XIX secolo. 

 

28. PALAZZO DUCALE (casa della famiglia Frankopan)

360° pano

Si crede (ma non ci sono prove scritte) che la casa della famiglia Frankopan fosse in piazza di Pjanka, però le dimensioni di questo palazzo e dei palazzi dei nobili in immediata vicinanza portano alla conclusione che il palazzo ducale era proprio in questo luogo.

 

29. GRANDE CASA

360° pano

È il nome di questa casa di famiglia con un architrave sopra la strada, la cui prima menzione è del 1538. L’immagine di Maria nella nicchia al pianterreno del palazzo veniva chiamata dagli abitanti di Krk Madonetta, che più tardi diventò il nome di tutto il quartiere della città.

 

30. BOMBE

360° pano

Si tratta della prima strada che conduce dal decumano alla porta settentrionale della città. Questo nome le venne attribuito in un documento del 1502. Viene spesso chiamata kuntrada sv. Jurja (contrada di San Giorgio) e questo nome deriva dall’omonima cappella che era ubicata in questa via.

 

31. PORTA PISANTINA (PORTA ORIENTALE DELLA CITTÀ)

È menzionata nello Statuto di Krk del XIII secolo in relazione alla punizione per il tradimento. Il traditore veniva esposto alla derisione pubblica: legato alla coda di un asino passava, davanti agli occhi dei cittadini, lungo tutto il decumano fino alla Grande porta della città. 

 

32. KAMPLIN

360° pano

Il nome di questa piazza è derivato dalla parola latina campus, ovvero campo. In epoca romana, in questa piazza c'era un ginnasio che faceva parte delle adiacenti terme. I resti dei pilastri che si trovano oggi in piazza Kamplin sono testimonianza di monumentali edifici di quell'epoca. Più tardi, nel Medioevo, Kamplin divenne il luogo dei duelli cavallereschi.

 

33. CASTELLO

360° pano

La fortezza dei duchi Frankopan fu costruita dal XII al XIV secolo, come testimoniano le relazioni dei provveditori veneti. Il castello aveva più scopi: fu utilizzata per difendere la città dagli attacchi dal mare, mentre la torre quadrata fu utilizzata come corte.

 

34. PALAZZO VESCOVILE

La diocesi di Krk viene menzionata già nel VII secolo. La parte più antica dell’edificio è la sua ala orientale, che fu probabilmente costruita nello stesso periodo quando fu eretta la cattedrale. Il primo vescovo di Krk il cui nome ci è noto fu Andrija. 

 

35. TERME ROMANE (accanto alla cattedrale)

I resti delle terme risalgono al municipio romano di Curicum. Si trovano allo sbocco settentrionale del cardo. È stata conservata una parte della piscina e delle parti di altre stanze. Il ginnasio, oggi la piazza di Kamplin, faceva parte delle terme.

 

36. CATTEDRALE DELL’ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

360° pano

Originariamente si tratta di una basilica paleocristiana a tre navi che nel V secolo fu costruita sui resti delle terme romane. Accanto alla cattedrale, al nord, c’era un battistero. L’odierna cattedrale romanica a tre navi risale al XII secolo, ma è stata più volte ampliata e divisa.
CAMPANILE DELLA CATTEDRALE. La cattedrale ebbe il suo campanile solo nel XVI secolo. Nel 1767, al posto dalla guglia appuntita, fu costruita una cupola barocca del campanile, sulla quale fu collocato un angelo di legno. L’angelo che ci si trova oggi fu realizzato nel 1973 in poliestere ed è una replica della scultura originale.  La CHIESA DI SAN QUIRINO è un esempio prezioso dell’architettura romanica del XII secolo.
Questa chiesa a tre navi fu costruita in pietra bianca di origine locale ed è l’unica antica chiesa croata che ha un piano. Una volta era attaccata alla cattedrale e veniva usata come matroneo – lo spazio da dove ascoltavano la messa le donne. CHIESA DI SANTA MARGHERITA Questa chiesa a due navi è un raro esempio di un autentico spazio romanico. Invece del solito orientamento est-ovest, l’asse di questa chiesa è disposto sulla direttrice nord-sud. È caratterizzata da un’acustica quasi perfetta. 

 

37. TIPOGRAFIA KURYKTA

Fu fondata dal vescovo Antun Mahnić nel 1899. Oltre alla pubblicazione dell’Accademia del periodo slavo antico in caratteri latini e glagolitici, qui furono stampate le riviste La Guardia Croata e l’Amico popolare. Operava fino al 1919, quando fu distrutta dagli arditi di D’Annunzio. ACCADEMIA DEL PERIODO SLAVO ANTICO Fu fondata dal vescovo Antun Mahnić nel 1902. Ci si studiava la lingua slava antica e il glagolitico. Il ceco Josip Vajs, un rinomato slavista e professore universitario a Praga, ci lavorò per quattro anni. L’Accademia chiuse nel 1918. L’erede dell’Accademia di Mahnić è l’odierno Istituto del periodo slavo antico a Zagabria. 

 

38. TERME ROMANE (in via Ribarska)

Anche queste terme risalgono al municipio romano di Curicum. Furono costruite in due fasi: durante il II e il IV secolo rispettivamente. Si trovalo allo sbocco occidentale del decumano. Sono state conservate alcune parti della piscina e il mosaico in bianco e nero raffigurante Tritone durante una festa.

 

39. PICCOLA PORTA

360° pano

La porta di uscita meridionale dalla città si trovava originariamente nelle mura del palazzo vescovile, all’estremità meridionale del cardo. Alla fine del XIV secolo, in seguito all'ampliamento del palazzo vescovile, la porta fu spostata nel luogo attuale. Davanti alla porta c’era un piccolo molo – l’entrata nella città per i pescatori. 

 

40. MOLO DAVANTI ALL’EPISCOPATO

360° pano

Fu costruito nel 1913 insieme a quella parte della riva. Considerato che è verticale rispetto al frangiflutti, offre maggiore protezione dai venti dal quadrante nord. Oggi il frangiflutti e il molo formano la bocca del porto della città.

 

41. MOLO SOTTO IL PARCO

360° pano

Nello Statuto di Krk del XIV secolo sta scritto: “Tutto il carico va scaricato sul molo pubblico e portato nella città per la porta grande.” Nel XV secolo la ricostruzione del molo fu finanziata da tutti gli isolani.

 

42. TORRE SULLA RIVA

360° pano

È una torre angolare a base esagonale sul bordo nella parte occidentale e settentrionale delle mura medievali della città. Il conte Nikola Frankopan la fece costruire nel 1407, come testimoniano l’iscrizione e lo stemma scolpiti nella stela romana del I secolo che raffigura due coniugi. 

 

43. PASARA DI KRK

Pasara è una piccola barca che si distingue da altre imbarcazioni “a due scafi”. È caratterizzata da una poppa più spaziosa, per cui pasara diventò il peschereccio preferito e si diffuse ben presto nell’Adriatico. Grazie alla sua leggerezza e manovrabilità servì da modello per il disegno della nave da regata L-5. 

 

44. KRUŠIJA

360° pano

Deriva dalla parola italiana corso e fu costruita alla foce del fiume sotterraneo Ponikve. Le donne ci venivano ancora nel XX secolo portando secchi pieni sulla testa per risciacquare il bucato. 

 
TZ Krk

Centro turistico della Citta' di Krk
Vela placa 1/1 - 51500 - Krk - Hrvatska
+385 51 221 414

© 2022. znaor.com