Questa guida offre una breve cronologia sul passato della città dai primi inizi fino a oggi. Poi si accorge al periodo del ruolo della forte famiglia dei conti Frangipani e da anche l'informazione sullo sviluppo del turismo che, durante gli ulitmi cento anni, ha diventato la risorsa economica più importante per la città.

1. MURA

La città è ancor oggi interamente cinta dalle mura, i cui vari strati del tempo e della storia sono stati conservati fino ad oggi. Le mura intorno alla città furono costruite e divise più volte sin dai tempi degli illiri fino alla caduta di Venezia. La prima menzione delle mura odierne risale al I secolo avanti Cristo. L’ultima ricostruzione importante delle mura fu effettuata alla fine del XV secolo.

 

2. GRANDE PORTA DELLA CITTÀ

360° pano

Quando tutta la città fu cinta dalle mura, questa porta diventò la porta principale per tutti coloro che venivano nella città dal mare, specialmente perché il suo luogo originale era più a sud, alla fine del decumano, dove si trovava anche la piazza principale della città. La prima menzione della grande porta della città in questo luogo risale al 1350.

 

3. VECCHIO MUNICIPIO CITTADINO

360° pano

Questa torre ovvero questo edificio risale al XV secolo. Al pianterreno c’era una volta la porta della città. Gli isolani la costruitono senza retribuzione. Nella sua facciata orientale ci sono gli stemmi del doge Agostino Barbarigo, con sotto un orologio con 24 campi la cui prima menzione risale al 1538.

 

4. VELA PLACA

360° pano

Uno si aspetta che la piazza principale si trovi in centro della città, però l’ubicazione della piazza principale nella città di Krk cambiò più volte prima di trovare dimora sul bordo occidentale della città, proprio accanto alla porta principale della città. La piazza è dominata dal pozzo del 1557, abbondantemente decorato. 

 

5. PLUJ

Ecco un'altra parola del vegliese che è stata conservata nella lingua e che significa strada. La parola pluj risale al latino: pluvia significava pioggia, ma anche un pendio dove l'acqua piovana proveniente dai tetti si accumula.

 

6. NIKOLA UDINA ALGAROTTI

360° pano

Il prete Nicola Udina Algarotti (dal 1791 al 1838) fu anche compositore e collezionista della musica, dei libri e degli strumenti. Nel suo testamento ha lasciato alla chiesa le sue collezioni. Si tratta di tre grandi collezioni che comprendono rispettivamente libri, libri di musica e strumenti. 

 

7. DEKUMANA

360° pano

Secondo lo schema romano della pianta della città, il decumano collega la parte orientale della città con quella occidentale. Il decumano di Krk collega la porta di Pizan con la piazza principale, ovvero con la grande porta cittadina.

 

8. MALA PLACA

360° pano

È un incrocio allargato delle due strade principali della Krk romana: il cardo e il decumano, che suddividono la città in quattro parti. Inoltre, Mala placa è il punto centrale del nucleo più antico della città. L'odierna piazza Mala placa fu chiamata dai romani Piazza vecchia, il che porta alla conclusione che la piazza esisteva nello stesso posto all'epoca dei Liburni. 

 

9. KARDO

360° pano

Secondo lo schema romano della pianta della città, il cardo è la strada che va da nord a sud. Il cardo di Krk scende dalla porta superiore fino all’episcopato, dove si trovava originariamente la porta meridionale della città. Il cardo è uno dei due principali assi della città. 

 

10. ISCRIZIONE DI KRK

È un’iscrizione in pietra del XI secolo. Fu scoperta qui come una pietra angolare. L’iscrizione “Questo fu scritto dall’abate Maj e Radonja, Rugota, Dobroslav” si riferisce probabilmente alla costruzione di quello che una volta fu il convento benedettino di San Giovanni.

 

11. CASA NAVE

360° pano

È un’elegante casa di famiglia con una facciata barocca con la tipica impostazione delle finestre e delle soglie. Un’ala di questa casa è caratterizzata da elementi romanici e gotici, il che porta alla conclusione che la casa Nave è, infatti, composta da due unità separate. Il collo della cisterna che si trova nella casa riporta l’anno 1694.

 

12. L’EDIFICIO DELLA SCUOLA ELEMENTARE

360° pano

L’edificio della scuola elementare fu costruito nel 2005. L’edificio urbano fu innestato perfettamente nel complesso sacrale. All’oriente le mura cittadine rinnovate dominano sopra l’edificio scolastico. In un’aula al pianterreno si possono vedere i resti di un pozzo che apparteneva al convento benedettino – un edificio storico più vecchio che si trovava allo stesso posto.

 

13. TRG KRČKIH GLAGOLJAŠA

360° pano

È il punto più alto dell’antico nucleo della città e il punto di incontro di due grandi vie parallele, il cardo e la via Galija. Questa piccola collina era sempre il centro religioso perché ci si trovavano edifici sacrali: il convento e la chiesa di San Francesco, il convento e la chiesa delle sorelle benedettine, la chiesa della Madonna della salute, e una volta il convento e la chiesa delle clarisse e il convento dei benedettini (oggi la scuola elementare e la palestra scolastica). È per questo che questa collina al nord della città viene quale volta chiamata “il piccolo Vaticano”.

 

14. CHIESA DELLA MADONNA DELLA SALUTE

360° pano

Questa chiesa romanica a tre navi dell’ex convento benedettino del XI secolo fu consacrata originariamente a san Michele. Nel XIX secolo cambiò il nome per difendere la città dalla colera. Il campanile della facciata occidentale è dello stesso periodo come la chiesa. 

 

15. CHIESA DI SAN FRANCESCO

360° pano

Fu costruita nello stile gotico nel XIII secolo. L’odierna sagrestia fu una volta la parte principale della chiesa. Il campanile fu aggiunto più tardi, in particolare la sua parte superiore che fu realizzata solo nel XVIII secolo. 

 

16. CONVENTO DI SAN FRANCESCO

360° pano

La prima menzione dei francescani sull’isola risale al 1277. All’inizio il convento faceva parte delle mura settentrionali della città. L’ala orientale del convento fu eretta nel 1910 come seminario. Il convento conserva l’immagine della Vergine con il bambino del pittore rinascimentale italiano Vittoreo Carpaccio.

 

17. PORTA SETTENTRIONALE DELLA CITTÀ (PORTA SUPERIORE)

La porta era l’ingresso nella città e l’uscita dalla città nella direzione di Fulfinium e della strada romana verso la Dalmazia. La sua prima menzione è del XII secolo. La sovrastruttura e gli stipiti furono rimossi nella prima metà del XIX secolo.

 

18. CHIESA DELLE BENEDETTINE

360° pano

La prima menzione di questa chiesa sotto il nome di Santa Maria d’Angelo risale al XIV secolo. Il suo interno fu barocchizzato nel XVIII secolo, quando l’altare principale fu eretto da Sebastian Petrucci di Fiume. Il campanile si trova accanto alla chiesa, dentro il convento. 

 

19. CONVENTO DELLE BENEDETTINE

360° pano

Risale al XIII secolo. Fu costruito gradualmente: prima la parte intorno alla chiesa, poi l’ala al nordest e al sud rispettivamente. Dal 1806 al 1903 le monache gestivano qui la scuola elementare nella lingua italiana. 

 

20. CAPPELLA DI SANTA ANNA

Una delle poche cappelle conservate della Krk medievale. La scomparsa delle famiglie che le fecero costruire e l’abolizione della fraternità ridusse il numero delle cappelle conservata nella città a sole tre.

 

21. LONDRONA

360° pano

In alcuni documenti antichi, alcune strade ceche della città venivano chiamate comunemente androna. È un nome di origini greche. Gli abitanti di Krk chiamano ancor oggi queste strade con lo stesso nome che con il passar del tempo e il cambiare delle generazioni venne modificato in londrona. 

 

22. CASA CELEBRINI

Questa casa di famiglia è composta di un pianterreno e due piani. La sua facciata è caratterizzata da elementi decorativi in stile barocco. La prima menzione della famiglia Celebrini a Krk fu circa il 1700. Durante il dominio austro-ungaro questo edificio era sede della corte distrettuale.

 

23. CASA MITIS

L’architrave di questa casa di famiglia ha al centro lo stemma della famiglia con un agnello – simbolo di mansuetudine. La parole mansuetudine è contenuta nel cognome della famiglia: mitis in latino significa mito. Sulla cima della facciata dell’edificio sono presenti begli elementi decorativi saraceni.

 

24. CASA CETINIĆ

Si tratta di tre palazzi rinascimentali con gli stemmi della famiglia nobile di Cetinić, che viene menzionata a Krk a partire dal 1431. Lo stemma della famiglia adorna anche il collo della cisterna del 1655 che si trova nel cortile. 

 

25. CAPPELLA DI SAN GIUSEPPE

360° pano

Questa cappella viene chiamata anche Madonna del Carmelo. Risale al XVII secolo ed è una delle tre cappelle che sono state conservate nel nucleo storico. Molte cappelle nella città furono abbandonate dopo la fine del dominio veneto.

 
© 2019. znaor.com